Lampedusa: guida al turismo responsabile in una terra di confine

A volte si ha la fortuna di avere in mano una guida di viaggi che non è una semplice guida. È un vero, piccolo tesoro. Mi è capitato quasi per caso di imbattermi in questo libro, edito da Altreconomia, che nasce dall’idea di raccontare l’isola di Lampedusa attraverso le sue bellezze, il suo mare meraviglioso e unico, la sua cucina, ma soprattutto attraverso gli occhi delle persone che la abitano, alle prese con le quotidiane sfide della vita da isolani: la pesca, il razionamento dell’acqua, la lontananza dalla terraferma, gli abusi ambientali e poi i profughi, gli sbarchi, i morti… E un’Italia che si ricorda di Lampedusa solo alle otto di sera davanti al Tg e relega questa isola al ruolo di ‘periferia d’Europa’.

Più che periferia, Lampedusa è la Porta di questa Europa che non sa mettersi d’accordo sul problema dei migranti e lascia che siano persone qualunque, anonime e coraggiose, ad occuparsi dell’accoglienza, mettendo spesso a rischio la propria vita. L’isola di Lampedusa è stata anche candidata al Premio Nobel per la Pace e sulle sue coste Gianfranco Rosi ha girato il bellissimo film Fuocoammare, per non dimenticare questo puntino di terra italiana a due passi dall’Africa. Anche il collettivo Askavusa si dedica con passione al sostegno agli abitanti dell’isola con varie iniziative, tra cui IO VADO A LAMPEDUSA (http://www.askavusa.com/progetti/io-vado-a-lampedusa/) un progetto di destagionalizzazione turistica per portare i visitatori 365 giorni l’anno.

Nella guida troverete le classiche indicazioni su strutture, ristoranti, spiagge (come l’incantevole Spiaggia dei conigli), ma anche storie di persone vere e autentiche che sono il volto dell’isola: dal falegname di Lampedusa ai volontari del centro di recupero per tartarughe marine. Una guida dedicata ai viaggiatori responsabili, che cercano di ‘capire’ i luoghi, di visitarli in punta di piedi, di amarli e rispettarli senza stravolgerli, apprezzando la bellezza della natura e il lato umano, profondo delle persone che li abitano.

Lampedusa, guida per un turismo umano e responsabile. Di Ivanna Rossi. Edizioni Altreconomia


Nella foto sopra, un pescatore al porto di Lampedusa (Sandra Quagliata e Santo Mangiameli per il progetto La vita a Lampedusa)

Nella foto sopra: l’opera di Mimmo Paladino ‘La porta d’Europa’, dedicata ai migranti

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. SnipRoad ha detto:

    Un isola favolosa….ed unica….Bellissimo articolo

    Mi piace

    1. marisafacchinello ha detto:

      Grazie mille. Lampedusa è davvero unica!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...